Contatti
Erigo Srl Via Buonarroti, 65
20064 Gorgonzola (MI)

info@erigo.it
Ph: +39 02 9530 2132

Barriere chimiche HRD

Se si verificano le seguenti condizioni, il rischio di esplosione diviene una minaccia reale:

  • materiale confinato in un apparecchio o silo
  • sostanze che, disperse in aria, creano una atmosfera potenzialmente esplosiva
  • concentrazione delle polveri oltre il limite minimo di esplosività
  • quantità sufficiente di ossigeno o altro agente ossidante
  • sorgente di innesco efficace (immagine a lato)

 

    Come funzionano.

    Le barriere chimiche ad alta velocità di scarica (High Rate Discharge, HRD) utilizzano una combinazione di agenti chimici e tecnologia di rilevamento per sopprimere e prevenire la propagazione delle esplosioni da polveri.

    Il funzionamento di una barriera chimica HRD coinvolge diversi passaggi:

    • Rilevamento: Il sistema di rilevamento monitora costantemente l’ambiente circostante per individuare la presenza di potenziali fonti di combustione, come fiamme libere o temperature elevate.
    • Attivazione: Una volta individuata una minaccia di esplosione, il sistema attiva immediatamente la barriera chimica HRD.
    • Scarica rapida: La barriera chimica HRD rilascia un agente chimico ad alta velocità per sopprimere l’esplosione.
      Questo agente chimico può essere un gas inerte, un agente estinguente o una combinazione di entrambi.
    • Soppressione dell’esplosione: L’agente chimico rilasciato dalla barriera HRD interrompe la reazione a catena dell’esplosione, riducendo la pressione e la temperatura nell’area coinvolta e prevenendo la propagazione dell’esplosione.
    • Protezione continua: Dopo aver soppresso l’esplosione iniziale, la barriera chimica HRD può continuare a fornire protezione attraverso la dispersione di agenti chimici nel ambiente circostante per prevenire la ricorrenza di esplosioni.

    Il valore aggiunto delle nostre soluzioni.

    Le barriere HRD fornite da Erigo si caratterizzano per una diffusione estremamente rapida di un agente estinguente all’interno di tubazioni di collegamento tra apparecchi. La pressione e il fronte di fiamma dovuti all’esplosione si propagano attraverso le tubazioni.

    Entrambi questi fenomeni possono essere rilevati da speciali sensori – sia di pressione che ottici – sviluppati appositamente per questo scopo.

    I sensori inviano un segnale all’unità di controllo che attiva i soppressori, equipaggiati con dispositivi per una apertura ultrarapida. L’agente estinguente viene diffuso all’interno della tubazione creando una barriera estremamente efficace nell’inertizzare il condotto.

    Le barriere HRD sono adatte per prevenire la propagazione di una esplosione proveniente da filtri, contenitori, mulini, frantumatori, separatori, cicloni, essiccatori e altri apparecchi a rischio di esplosione.

    Scopri

    I vantaggi.

    • Reazione rapidissima del Sistema, dalla rilevazione all’estinzione
    • Memorizzazione dei dati su sensore indipendente
    • Possibilità di configurare il sistema in vari modi
    • Componenti di alta qualità
    • Personalizzazione in base alle esigenze del cliente
    • Adatti all’uso sia interno che esterno agli edifici
    • Alta affidabilità

     

    Per richieste di informazioni

    Contattaci

      Per progetti e amministrazione

      Inviaci una email

      info@erigo.it

      Back

      This website stores cookies on your computer. Cookie Policy